Anche in Italia esiste il muro:Pinocchio al Tribunale degli Acchiappa-citrulli » Lettere e risposte – Blog – Repubblica.it

ci viene sempre portata ad esempio la Germania per come ha saputo riunificarsi con la Germania dell’Est ed allo sforzo economico fatto come riuscita felice della riunificazione. Mentre noi ci sentiamo, sempre di più, colpevoli verso il nostro meridione. Ma noi non abbiamo avuto davanti un muro reale, in pietra e cemento armato da abbattere… I tedeschi erano separati da un muro come un confine. E dalla storia della guerra. Il senso di umanità dimostrato quel 9 nov. 1989 così spontaneo pacifico della popolazione ha piegato sia Berlino che la DDR. Tutto è stato semplice, a beneficio di tutti. E’ durato qualche anno questo sentimento di pace e di ricostruzione, poi la Germania ha ripreso il suo ruolo concreto e fermo. A ciascuno il suo, ed i compiti a casa.

I compiti a casa noi non ce li sappiamo fare. La questione del nostro Sud è sempre uguale a sé stessa. I Comuni meridionali i cui i progetti ricevono i soldi europei non sanno cosa farsene dei soldi: vengono rimandati indietro ed i relativi lavori non si fanno. Il Ministro Barca aveva invertito la tendenza ma stranamente non ha più voce in capitolo, per fare un esempio. Il nostro debito pubblico per l’arretratezza anche del sud è enorme. Sprechi di denaro pubblico fatti dai politici del luogo altro non servivano che per il consenso elettorale. Si è visto di tutto.

Là, in una piazza di Praga un signore tirò fuori un mazzo di chiavi e lo fece tintinnare sopra la sua testa e così fecero gli altri 300 mila manifestanti. Un rumore di 300 mila mazzi di chiavi per una porta da abbattere. Un mese prima nelle piazze di Berlino gridavano “Noi siamo il popolo!” davanti a 8000 tra poliziotti, militari e funzionari della Stasi che rimasero fermi. Qua, il nostro popolo meridionale non si ribella ai mafiosi ed alla mentalità mafiosa. Non vanno in massa a denunciare. Da noi a Napoli, si vedono passanti che davanti ad una scena di scippo fermano il giovane marocchino che era riuscito a sventare uno scippo bloccando due ladri sul motorino, non gli scippatori.

Noi ’sappiamo’ la fine di Pinocchio al Tribunale degli Acchiappa-citrulli. Antica “cultura” che ci tradisce sempre.

Il nostro muro è peggiore.

Bruna Emiliano

 

Pinocchio al Tribunale degli Acchiappa-citrulli » Lettere e risposte – Blog – Repubblica.it.

Répondre

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l'aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion /  Changer )

Photo Google

Vous commentez à l'aide de votre compte Google. Déconnexion /  Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l'aide de votre compte Twitter. Déconnexion /  Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l'aide de votre compte Facebook. Déconnexion /  Changer )

Connexion à %s